Comune di Castelnuovo Parano
HOME | MAPPA
Motore di ricerca
Solo testo | Alta visibilità 

Canali d'accesso. Menu Canali d'accesso terminato.
Olive da pasto della cultivar itrana

Sei in: Home » Museo » le interviste sulla seconda guerra mondiale » intervista a vennettillo benedetta
Sei in: Home » Museo » le interviste sulla seconda guerra mondiale » intervista a vennettillo benedetta

Museo

Intervista a Vennettillo Benedetta

Intervista a Vennettillo Benedetta, nata il 21/12/37 a Castelnuovo Parano. 

A- Chi erano i tuoi genitori?

B- Pure glio cognome aggia dì?

A- Si, si!

B- Macera Maria Luigia e Vennetillo Mariano.

A- Che cosa facevano?

B- Contadini

A- Che cosa ricordi della tua infanzia? 

B- Quando ero piccola ricordo che andavo appresso alle pecore.

A- Cosa ricordi del Fascismo?

B- Eh Fascismo…. Non te lo saccio spiegà…1937: già verono l’età!

A- E del periodo della guerra cosa ricordi?

B-  Della guerra me ricordo che n’hanno pigliato aglio Campo, alla casa nosta, po’ n’hanno portato sopra Castelnuovo, da sopra Castelnuovo con la camionetta.

A- Chi vi ha preso?

B- I Tedeschi. Da sopra Castelnuovo n’hanno portati a San Giorgio, sempre con la camionetta hanno cariato pure gli ati a Castelnuovo e c’hanno portato a San Giorgio. Po là mia madre, perché era di Toricelli, sapeva le strade vecchie, diciamo, di San Giorgio, ha riuscita a uscì dagliu campo e semo tornati al Cafone, Torriceglio n’coppa addo stà commare Caterina. E po là le cannonate che sparavano, i ricoveri che si facevano. Gli due Febbraio, glio iurno della cannelora, sparavo la cannonata n’anzi glio ricovero che ce steva. E insomma fratemo  gliamo trovato mezzo 'na pianta de fico e ziema Caterina stonata alle vrecchie... teneva le vrecchie, sceva lo sango per le vrecchie! Infatti mama ogni anno alla cannelora ieva bascio la Madonna.

A- Dove ti hanno portato, era un campo?

B- Era un campo dove eravamo tutti sfollati, po semo riusciti a scappà e semo iuti arreto la selva e semo stati là tutta la cosa della guerra. Il mangiare era poco: fico secche... mama ha carecato sta robba, mama lo portava arreto a chelle de Zi Pasqalino  perché qua non si poteva fa vede dai Tedeschi.

A- Che ti ricordi dei Tedeschi? 

B- Mi ricordo che solo i Marocchini si comportavano male proprio, i Tedeschi bene o male …… po mi ricordo la buonanima, la mamma di Giuseppina! No iorno sparao la cannonata n’coppa a chiglio ricovero, e se portava, se portava tutto per l’aria: chelle trezze della mamma de Giuseppina, la zia le iettero a piglia ‘ncoppa la cerqua. I Marocchini che evano fuenne appresso le femmene, che stevano tutte chiuse ( 22 ragazze ), tutte na bella età, tutte chiuse ‘ncoppa no ranale: calavano la robba che facevano, la calavano bascio e lo magnà lo saglievano ‘ncoppa. Le scoppe facevano glio pelliccio ce mettevano lo raurigno rindo e se campava co chello. Po me ricordo la bonanima di zi Giacomino, nu cugino de mama, nu frate de Mama, na sore de mama ehh…. nato frate piccolo de mama teneva na bomba a mano co chelle girelle 'mbonda, stevano tutte e quattro così a croce, zi Giacomino teneva diciotto anni, svita chella chiavetta, scoppia chella bomba, glio gancio de chella bomba iette in fronte a zi Crescenzo. Zi Giacomino ncuorpo gli pigliao glio core insomma, campao ventiquattro ore; zi Vitalino, l’ultimo frate de Mama, otto anni, non si conosceva, gli buchi, gli buchi che teneva  ncorpo e commare Caterina eva facente si e no così. Però se l’è scampata meglio. Poi zi Vitalino 'ncoppa la Croce Rossa dei Tedeschi glio medicarono, ma campao otto iorni ed è morto.

A- Cosa ricordi di quando sono arrivati gli alleati?

B- Non me ricordo de male. Nui eravamo vaglionelle, creature. Dopo la guerra c’era la fame! Quanno semo venuti qua abbiamo trovato la robba abbelata sotto gli fossi de utama...le piatta, tutto abbelato: mama ha tenuto glio tempo! Perché ca ce steva na cucina Tedesca, allora mama ce ieva a monnà le patane, ce portava fratemo, allora mama diceva che glio marito stava in Russi, e allora l’avevano presa a core e a fratemo la robba che gli mettevano in mano.

A- Quindi i Tedeschi vi davano la roba?

B- Si, mama ce ieva a faticà, ieva a monnà le patane, essa e za Peppinella Papa...nui eravamo piccoli.

A- E tuo padre in quel periodo dov’era?

B- Mio padre in quel periodo è dovuto scappare sulla montagna di Fammera. La matina de Natale ne pigliero e ne portero a San Giorgio...tata Mario pe na finestrella se n'è sciuto, è passato arreto alla casa de za Peppinella e se ne iuto a Fammela. Po se ne venne pure lui dietro la selva.

A- Dopo la guerra come è stata la ricostruzione?

B- Diciamo, chiano chiano, ognuno se portava glio carregliuccio de puzzolama, breccia la sabbia, se faceva la cauci spugnata, se facevano le carecare. Si accompognevano le carecare, a sassi prete rosse, piccole, perché la cauci come a mo non esisteva, sacci quanto avevano inforna chelle carecare, l’avevano coce, quando si era cotta, che cacciava la caurarella bianca era arrivata la carecara. Po ievano a sfornà e chelle preti si facevano a cauci, era tutta cauci. A te te serveva la cauci, facivi glio fosso, in mezzo alla terra, ci mittivi l’acqua e ci mittivi chello rinto, e chello se spognava. Quanto ittavi chello detro l’acqua quello si screscetava, era bianco come lo latte. Po l’ammescava con la sabbia e la puzzolama e 'ndonacavi, ma chesso no beglio poco dopo.

Poi mi ricordo che sempre quei porci de Tedeschi, li devo chiamare porci, ogni sordato Tedesco che uccidevano allora accirevano dieci Italiani. Allora acchiapparono glio marito de za Cilesta e gli’hanno appeso alla quercia coppa fontana dorata, e gli’hanno scannato come scannao gli porco, e la mogliere aveva tenè no vacile. Perciò sto Papa è Tedesco, ma gli sfregi che hanno fatto!

E nata cosa... a uno, chesso però me lo ricordo e non me lo ricordo, proprio mezzo le nuvole, gli’hanno pigliato gnuro coppa gli Spaccazzi, coppa le Dore, gli’hanno pigliato gnuro, gli’hanno fatto spuglià, gnuro gl’hanno portato bascio alle Pastene,  bascio alla Madonna, gli’hanno fatto scavà glio fosso po ce gli’hanno misso e gli’hanno atterrato e gli’hanno sparato rinto glio fosso. Po mi ricordo le figlie de Serrafina....Essa e Maria al Canada, quanno ne portero arreto alla Selva, zi Albano non  aveva a do i, glio padre poreglio, o Dio o Dio, la fame e gli perucchi…la fame e gli perucchi…. Allora pigliao e se ne venne arreto alla Selva a do stavamo noi, chelle creature gnure e riune, allora fece nonna Angela: “Miliè, piglia chiglio saccone vecchio e facce le vestarelle peru a chesse creature” Cosi gli fece le vestarelle. Portava una coppa a no braccio e nato coppa all’altro, e gli perucchi che scegnevano, ma certi ciciuni. Pora nonna! Non se poteva sopportà. Prima esistevano delle cammise de cottone forte, e dentro chelle pieghe ognuno così, certi ciciuni. E le patane, le scorse si ittavano, nui ringraziamo Dio non l’abbiamo visto perché abbiamo sempre lavorato...io tenevo otto anni, no dodici anni, so iuta con zi Mauriglio Castelli a portà le cardarelle 'ncoglio, a fa le carecare co zi Ricuccio Papa, a fa le caurare co Peppino Corale, pe  275 lire gli iorni, a pere da ca agli Patrici, passato coreno.

 A- Ti ringrazio.


Fine dei contenuti della pagina